Ugo Foscolo a Padova

Ci piace aprire il primo numero della collana Padova Sorprende con l’autoritratto in versi di Ugo Foscolo (Zante, 6 febbraio 1778 – Turnham Green, 10 settembre 1827), presente a Padova e sui Colli Euganei negli anni 1796-1797 dove conobbe Melchiorre Cesarotti e ideó il suo capolavoro Le ultime lettere di Jacopo Ortis.

We’d like to open the first issue of the series “Padova Sorprende” with a self-portrait in verse by Ugo Foscolo (Zante, February 6, 1778 – Turnham Green, September 10, 1827), who lived in Padua and on the Euganean Hills in the years 1796-1797 where he met Melchiorre Cesarotti and conceived his masterpiece The last letters of Jacopo Ortis.

Solcata ho fronte

Solcata ho fronte, occhi incavati intenti,
crin fulvo, emunte guance, ardito aspetto,
labbro tumido acceso, e tersi denti,
capo chino, bel collo, e largo petto;

giuste membra; vestir semplice eletto;
ratti i passi, i pensier, gli atti, gli accenti;
sobrio, umano, leal, prodigo, schietto;
avverso al mondo, avversi a me gli eventi:

talor di lingua, e spesso di man prode;
mesto i piú giorni e solo, ognor pensoso,
pronto, iracondo, inquieto, tenace:

di vizi ricco e di virtù, do lode
alla ragion, ma corro ove al cor piace:
morte sol mi darà fama e riposo.

 

Ugo Foscolo, Scelte opere di Ugo Foscolo, Firenze, Poligrafica Fiesolana, 1835.

Padova Sorprende

 

 

 

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.