Tito Livio (statua n. 48)

Il più grande storico della Roma antica è nato a Padova nel 59 a.C. da una famiglia probabilmente non nobile, ma che vantava alcuni consolati e una dittatura, e vi è morto nel 17 d.C. Monumentale la sua Storia di Roma dalle origini alla morte di Druso: “Ab Urbe condita libri”, ben 142, sotto forma di annali; solo 35 ci sono pervenuti. In stretti rapporti con Augusto, ha vissuto a lungo a Roma e si può dire che ne è stato lo storico ufficiale, stimato dai contemporanei e da Dante e Macchiavelli. Altri suoi scritti di filosofia e di retorica sono andati perduti. E’ stato anche il precettore del futuro imperatore Claudio.

Autore Pietro Danieletti (1776)

Padova, Prato della Valle – Statua di Tito Livio (Foto Marta Celio)